La Famiglia Da Vinci

Condividi:
Please contact our concierge for purchase advice

DA VINCI A SCHAFFHAUSEN: UN VIAGGIO NEL TEMPO

561 anni fa nacque, in un piccolo villaggio toscano, un uomo senza la cui genialità oggi il mondo sarebbe diverso: Leonardo da Vinci. Nei suoi 67 anni di vita, conclusasi il 2 maggio 1519, la sua mente concepì così tante invenzioni e macchine, e intuì e documentò così tante leggi naturali, da superare quanto riuscirono a fare centinaia di studiosi del suo tempo e anche delle epoche successive. La sua passione era anche rivolta all’esatta misurazione del tempo. Sono infatti innumerevoli gli schizzi che testimoniano il suo entusiasmo per i primi movimenti del Rinascimento. Tutte le sue avveniristiche invenzioni – ingranaggi elicoidali, pignoni conici e complesse trasmissioni a vite – sono ancora oggi componenti essenziali di molte macchine, tra cui gli orologi. Le sue ricerche su sistemi di azionamento a molla poco ingombranti e su nuovi tipi di scappamento sono state di importanza fondamentale. I posteri guardano con stupefatta ammirazione alle circa seimila pagine manoscritte che egli ci ha lasciato.

Da Vinci - Calendario Perpetuo - Mood
—La firma di Kurt Klaus, inventore del calendario perpetuo
Da Vinci Automatic
La Famiglia Da Vinci, sempre un passo avanti

Sebbene Leonardo da Vinci fosse un artista, un naturalista e un architetto militare apprezzato già in vita, fu solo nel 19° secolo che si iniziò a comprendere finalmente quanto fosse stato in anticipo sul suo tempo. La fervida fantasia e la voglia di sperimentare di Leonardo da Vinci non conoscevano confini. L’intero mondo allora conosciuto era il suo campo di gioco e con il suo genio inventò congegni come l’elicottero, il carro armato, la bombarda multipla, la bicicletta, il paracadute e perfino un’apparecchiatura subacquea. Tuttavia, data la limitatezza delle tecnologie e dei metodi di produzione di allora, tutti quei progetti non erano ancora realizzabili. Fece quindi scalpore la scoperta che, nell’ambito di un’esposizione su Leonardo da Vinci promossa da IWC, rivelò come un presunto motore aeronautico fosse in realtà un «proto-movimento».

Il genio e l’inventiva di Leonardo da Vinci hanno tanto affascinato IWC che alla fine degli anni 1960 quest’ultima presentò un orologio con il suo nome. Già il primo modello Da Vinci sorprese gli appassionati con una peculiarità rimasta sino ad oggi tipica di questa famiglia di orologi: essere sempre in anticipo sui tempi. Molte innovative soluzioni furono dapprima sviluppate per un Da Vinci. Un esempio per tutti è il rivoluzionario movimento al quarzo di serie Beta 21 per orologi da polso, presentato nel 1969 da un pool di imprese svizzere, che rappresentò un vero salto quantico nella storia della misurazione precisa del tempo. Tuttavia l’invasione di economici movimenti al quarzo dall’Estremo Oriente, la crisi petrolifera e la caduta del dollaro rispetto al franco svizzero gettarono l’industria orologiera elvetica nella più grave crisi della sua storia. Malgrado ciò, IWC tenne viva la tradizione della meccanica orologiera, ad esempio creando complicati orologi da tasca. E nel 1985 IWC presentò un autentico capolavoro dell’alta orologeria: il Da Vinci in versione cronografo meccanico con calendario perpetuo programmato completamente in modo meccanico e indicazione dell’anno a quattro cifre.

Nessun orologio da polso IWC aveva mai presentato un rapporto di demoltiplicazione così lungo tra la ruota dell’ancora e il singolo movimento del cursore dei secoli: tra due spostamenti del cursore un punto esterno del bilanciere percorre quaranta volte il giro intorno al mondo.

Il suo complesso meccanismo è composto da soli 83 elementi ed è estremamente semplice da usare in quanto per la prima volta nella storia IWC degli orologi portatili le indicazioni della data, del giorno della settimana, del mese, dell’anno, del decennio, del secolo, del millennio e delle fasi lunari sono tutte regolabili in modo sincronizzato, giorno per giorno, mediante la corona di carica.

Da Vinci Chronograph

—Referenza 3764

Dettagli

Da Vinci Klaus Sketch - Mood Interior
—Uno schizzo di Kurt Klaus per il meccanismo del calendario perpetuo del Da Vinci
Condividi:
DA VINCI CALENDARIO PERPETUO DIGITALE DATA E MESE

—Referenza 3761

Dettagli

Solo un anno dopo, nel 1986, IWC presentò con il Da Vinci un’altra novità mondiale: la prima cassa high-tech in ceramica colorata. Nel 1995, per il 10o anniversario del Da Vinci Chronograph automatico con calendario perpetuo, venne presentato il Da Vinci Rattrapante, referenza 3751, la cui lancetta rattrapante per cronometrare i tempi intermedi è anche la decima del già prestigioso corredo di questo orologio. E per affrontare brillantemente il nuovo millennio, IWC creò il Da Vinci Tourbillon, referenza 3752, nuova pietra miliare nella misurazione meccanica del tempo. Sulla scia della continua ricerca della perfezione, tipica del grande genio toscano, nel 2007 IWC ha inaugurato un nuovo capitolo nella storia di questa leggendaria famiglia di orologi. Dopo anni di ricerche, sperimentazioni e continue migliorie, la maison ha presentato tutti i modelli Da Vinci in una originale cassa di forma tonneau. Per il Da Vinci Chronograph è stato sviluppato il calibro di manifattura 89360, progettato e costruito interamente a Schaffhausen, che realizza per la prima volta in casa IWC il principio dell’orologio nell’orologio, ossia la lettura immediata di minuti cronografici e ore cronografiche, proprio come accade con il tempo in un normale orologio. Altri highlight del 2007 sono stati il Da Vinci Calendario Perpetuo Edition Kurt Klaus in serie limitata, tributo di IWC ai cinquant’anni di lavoro in azienda del suo padre spirituale, e il Da Vinci Automatic, dotato di un grande datario da allora molto apprezzato dai clienti IWC.

 

Scoprendo Da Vinci

Celebrando il Genio di Leonardo da Vinci

Nel 2009 gli ingegneri di Schaffhausen hanno arricchito questa linea di orologi con un’altra prestigiosa creazione: il Da Vinci Calendario Perpetuo Digitale Data e Mese, il primo cronografo con funzione flyback e calendario perpetuo, indicazione digitale dell’anno bisestile nonché un’indicazione digitale di data e mese con grandi cifre. Sviluppare questo modello è stato un autentico «atto di forza» orologiero che è valso la pena compiere. Nel 2010 il Da Vinci Chronograph Ceramica sorprende con una sofisticata combinazione di ceramica high-tech (materiale: ossido di zirconio) e titanio lucidato e satinato.

Scopri la Famiglia Da Vinci

Approfondimenti

Dalla collezione

Aquatimer Deep Three Vai
Aquatimer Deep Three

Appartenente alla terza generazione degli orologi subacquei IWC, l’Aquatimer Deep Three con cassa in titanio dispone di un profondimetro meccanico ed ...

Esperienze

Vai
Da Vinci Chronograph Ceramica

L’affascinante Da Vinci Chronograph Ceramica si distingue per l’esclusivo abbinamento della ceramica al titanio lucido

Esperienze

Dragonland Vai
I DRAGHI DELLE ISOLE GALAPAGOS

Da oltre 50 anni, la Charles Darwin Foundation conduce ricerche sulla flora e la fauna delle famose isole Galapagos in qualità di ...