Scopri altri articoli
Dragonland
I DRAGHI DELLE ISOLE GALAPAGOS

Da oltre 50 anni, la Charles Darwin Foundation conduce ricerche sulla flora e la fauna delle famose isole Galapagos in qualità di consulente scientifico del governo ecuadoriano per la conservazione di questo straordinario paradiso naturale. Appunti di viaggio alla scoperta dei custodi dell'evoluzione.

Di generazione
in generazione

Padre e figlio sono seduti a un tavolo sotto una parete affrescata. Per parlare di affari, si incontrano nella sede aziendale, una villa barocca vicino a Treviso.

Salvare il paradiso

Unicità e fascino senza eguali: rimanere impassibili di fronte alla straordinaria ricchezza della flora e della fauna delle Isole Galapagos è davvero impossibile.

La magia dell'arte

Lo scrittore Paulo Coelho e l'autore di fumetti Enki Bilal ci parlano dell'interpretazione letteraria e artistica contenuta nel libro di IWC intitolato «IWC Schaffhausen. Engineering Time since 1868»

Experience - Moonbird -Article Hero
Moonbird

Navigare significa essere liberi e dinamici, godersi la vita ed essere una cosa sola con la natura e con i capricci del mare. Patrice Quesnel è salpato da Monaco per IWC, al timone della lussuosa Moonbird

SIHH 2014 Booth
DIETRO LE QUINTE DELLO STAND IWC AL SIHH 2014

Direzione Ginevra. In occasione della 24esima edizione del «Salon International de la Haute Horlogerie» (SIHH), IWC invita i visitatori ad immergersi nelle profondità marine alla scoperta delle affascinanti specie a cui è ispirata la nuova collezione Aquatimer.

Ingenieur Double Chronograph Titanio

Il nuovo IWC Ingenieur Double Chronograph Titanio è un segnatempo di qualità eccezionale e uno straordinario capolavoro di raffinatezza ingegneristica, disegnato per sorprendere il suo futuro possessore

IWC Oils
Il tempo che scorre come un orologio

In base alle sollecitazioni e alle tensioni a cui sono esposti, circa 50 componenti del movimento sono lubrificati con oli e grassi sviluppati appositamente per essere utilizzati sugli orologi da polso.

Esperienze

Benvenuti in paradiso

Testo — Michaela Namuth Foto — Tina Berning Data — 30 marzo 2011

Condividi:
—L'itinerario che conduce da Genova a Portofino attraversa una delle zone più incantevoli della riviera ligure: il luogo ideale dove trascorrere un lungo fine settimana

Il porto di Genova è la porta d’accesso al mondo. Qui nacque Cristoforo Colombo e di qui partì per scoprire un nuovo continente. Sempre da qui, l’ammiraglio Andrea Doria salpò per difendere la repubblica marinara dai pirati. Ed è ancora qui che sorge l’antica Lanterna, il faro e il simbolo più celebre della città. A poca distanza, sono ancorate le moderne navi da crociera, alte come grattacieli, mentre poco più lontano, le barche a vela si lasciano cullare dolcemente. Il porto commerciale, il più grande di tutta l’Italia, ospita invece le grandi navi portacontainer. Da bambino, negli anni Cinquanta, Renzo Piano viveva qui con il padre. «All’epoca, non c’era nessun container. La merce era esposta all’aria aperta. Vedevi le automobili sospese ai bracci delle gru» ricorda. Oggi Renzo Piano è un architetto di fama mondiale, ma è tornato a Genova 20 anni fa per rimodernare il vecchio porto e renderlo attraente per i visitatori. Il «Bigo» nel Porto Antico, di cui è l’autore, trae ispirazione dalle gru della sua infanzia, ma al posto delle automobili, i bracci sorreggono un ascensore panoramico, da cui è possibile ammirare la città e il mare da un’altezza di 40 metri. Renzo Piano è anche l’artefice della «Bolla», una grande sfera di acciaio e vetro che al suo interno ospita una moltitudine di piante tropicali.

Prima di lasciare Genova e il suo porto, è d’obbligo andare ad ammirare l’enorme polpo dell’Acquario e fermarsi a mangiare in un ristorantino lungo il molo. L’Acquario marino accanto al Bigo è uno dei più grandi d’Europa, mentre il ristorante «I tre merli», situato a poca distanza, consente di gustare squisite prelibatezze direttamente sul molo, godendosi l’aria del mare. Per chi si reca in costa ligure per la prima volta, lo chef Alessandro Giordano consiglia focaccia al formaggio, pasta al pesto di Genova, calamari fritti e baccalà ai pinoli. Dai tavoli sul molo è possibile godere di una splendida vista della città. «Sorge su uno spuntone di roccia ai piedi delle montagne, disposte ad anfiteatro intorno a un golfo di sovrana bellezza» scriveva Heinrich Heine due secoli fa. Anche allora, era facile perdersi nelle strette vie tra i palazzi medievali. Di certo merita fare una passeggiata dal porto alla Cattedrale di San Lorenzo. Gli interni dell’edificio in stile gotico-romanico sono affrescati da artisti italiani e bizantini. Dietro la cattedrale, in Piazza Matteotti, sorge l’imponente Palazzo Ducale, dove un tempo si riunivano i dogi e i senatori. L’edificio, oggi adibito a mostre ed esposizioni temporanee, è uno dei centri culturali più importanti dell’antica città marinara. Fino al mese di maggio, il palazzo ha ospitato la mostra intitolata: «Mediterraneo – da Courbet a Monet a Matisse».

Sulla sinistra si stagliano lussureggianti montagne, mentre sulla destra, l'impervia scogliera si getta a picco nelle acque turchesi del mare, intervallata da fortuite distese di sabbia

Bogliasco è anche la meta perfetta per gli amanti della buona cucina

L’itinerario che conduce da Genova a Portofino lungo la riviera ligure costeggia l’Aurelia, la strada costiera più lunga e purtroppo, tra le più trafficate d’Italia. Sulla sinistra si stagliano lussureggianti montagne, mentre sulla destra, l’impervia scogliera si getta a picco nelle acque turchesi del mare, intervallata da fortuite distese di sabbia. Dopo circa mezz’ora d’auto, ecco apparire Bogliasco e la parte di costa iniziale del Golfo Paradiso. In autunno, queste spiagge accolgono surfisti provenienti da tutta Europa, mentre sono praticamente deserte nelle giornate soleggiate di primavera, nonostante l’acqua cristallina sia sufficientemente mite da consentire i primi bagni. Bogliasco è anche la meta perfetta per gli amanti della buona cucina. Il ristorante «Al Solito Posto», gestito da Serenella Medone e il marito Alessandro, rivisita in chiave personale i piatti tipici della tradizione ligure. Tra le specialità, meritano una particolare attenzione gli spaghetti neri con seppie e cozze o i ravioli saltati con carciofi e salsa ai frutti di mare. In accompagnamento, Alessandro propone vini liguri come il Granaccia (rosso) o il Vermentino bianco. «I nostri menu variano regolarmente perché non vogliamo che alla lunga, i nostri clienti si stanchino» sottolinea \Serenella. In occasione delle celebrazioni per il 150° anniversario dell’Unione d’Italia, sarà proprio lei a rappresentare la cucina della sua regione.

Un’altra splendida località di questo tratto di costa è il villaggio di Camogli, con il suo antico porto. La seconda domenica di maggio, la cittadina organizza una straordinaria sagra del pesce. Camogli è anche il punto di partenza ideale per escursioni a piedi e in barca. Tra le mete più interessanti, spicca il promontorio di Punta Chiappa: per raggiungerlo, occorre scendere 900 scalini, ma la vista mozzafiato sul santuario di Portofino vale sicuramente ogni sforzo compiuto. In basso, invece, si estende uno dei luoghi di immersione più meravigliosi d’Europa. Se l’idea di risalire quel numero infinito di scalini non alletta particolarmente, è possibile rientrare a Camogli in barca oppure continuare verso l’Abbazia di San Fruttuoso, rimasta nascosta per almeno un migliaio di anni sul promontorio di Portofino, tra il Golfo Paradiso e il Golfo del Tigullio. Sul fondale della baia, immersa nelle acque cristalline, giace la statua bronzea di 2,5 metri del patrono dei marinai. Da qui, una passeggiata idilliaca di meno di due ore tra i pini e i castagni conduce a Portofino.

Se l’automobile e i bagagli sono rimasti a Camogli, è sicuramente meglio rientrare in barca. In caso contrario, è possibile proseguire in vettura verso Rapallo. Situata nel Golfo del Tigullio, la cittadina è stata scoperta verso il 1900 da ricchi viaggiatori e da personalità celebri come Guy de Maupassant. Le eleganti ville in stile Art Nouveau, che donano alla città il suo aspetto caratteristico, sono state costruite proprio in quel periodo e hanno ospitato le grandi personalità politiche che firmarono i Trattati di Rapallo del 1920 e 1922. L’antico borgo medievale, incorniciato dalle palme del lungomare, merita sicuramente una passeggiata a piedi. Come nelle altre cittadine costiere, le case sono molto alte e le vie strettissime. La struttura è quella di una fortezza, per proteggere gli abitanti dai Saraceni e dai Pirati che per secoli hanno infestato la costa. A Rapallo è anche possibile trovare le famose sete di Zoagli, un piccolo villaggio situato a pochi chilometri dalla cittadina, le cui seterie sono tra le poche in Italia ad aver proseguito la produzione artigianale della seta fino ai giorni nostri.

Una stradina stretta e tortuosa conduce da Rapallo a Portofino. Superati i vivaci centri balneari di Santa Margherita Ligure, si arriva all’idilliaca cittadina che in passato fu il simbolo della Dolce Vita e che oggi è la meta preferita del jet set internazionale. Molti dei visitatori raggiungono la baia a bordo degli yacht, il modo più rapido per regalarsi un aperitivo sulla celebre piazzetta. Il 23 aprile di ogni anno, viene organizzato un grande falò in piazza in onore di San Giorgio, il santo patrono della città. Le fiamme sono perfettamente visibili dalla terrazza panoramica dell’Hotel Splendido, meta dei personaggi più ricchi e famosi. Da oltre 50 anni, l’hotel attira star e VIP di tutto il mondo. «Chiunque sia veramente qualcuno ha soggiornato qui almeno una volta» ha dichiarato Fausto Allegri, portiere dell’hotel da ormai 44 anni, che ha accolto Victoria Beckham con la stessa disponibilità con cui a suo tempo accolse Elizabeth Taylor. Sono in molti ad avere giurato di voler tornare in questo luogo incantato e all’Hotel Splendido. E finora, sono stati in molti ad avere mantenuto la promessa, tornandoci pressoché ogni anno.

Condividi:
Scopri altri articoli
Dragonland
I DRAGHI DELLE ISOLE GALAPAGOS

Da oltre 50 anni, la Charles Darwin Foundation conduce ricerche sulla flora e la fauna delle famose isole Galapagos in qualità di consulente scientifico del governo ecuadoriano per la conservazione di questo straordinario paradiso naturale. Appunti di viaggio alla scoperta dei custodi dell'evoluzione.

Di generazione
in generazione

Padre e figlio sono seduti a un tavolo sotto una parete affrescata. Per parlare di affari, si incontrano nella sede aziendale, una villa barocca vicino a Treviso.

Salvare il paradiso

Unicità e fascino senza eguali: rimanere impassibili di fronte alla straordinaria ricchezza della flora e della fauna delle Isole Galapagos è davvero impossibile.

La magia dell'arte

Lo scrittore Paulo Coelho e l'autore di fumetti Enki Bilal ci parlano dell'interpretazione letteraria e artistica contenuta nel libro di IWC intitolato «IWC Schaffhausen. Engineering Time since 1868»

Experience - Moonbird -Article Hero
Moonbird

Navigare significa essere liberi e dinamici, godersi la vita ed essere una cosa sola con la natura e con i capricci del mare. Patrice Quesnel è salpato da Monaco per IWC, al timone della lussuosa Moonbird

SIHH 2014 Booth
DIETRO LE QUINTE DELLO STAND IWC AL SIHH 2014

Direzione Ginevra. In occasione della 24esima edizione del «Salon International de la Haute Horlogerie» (SIHH), IWC invita i visitatori ad immergersi nelle profondità marine alla scoperta delle affascinanti specie a cui è ispirata la nuova collezione Aquatimer.

Ingenieur Double Chronograph Titanio

Il nuovo IWC Ingenieur Double Chronograph Titanio è un segnatempo di qualità eccezionale e uno straordinario capolavoro di raffinatezza ingegneristica, disegnato per sorprendere il suo futuro possessore

IWC Oils
Il tempo che scorre come un orologio

In base alle sollecitazioni e alle tensioni a cui sono esposti, circa 50 componenti del movimento sono lubrificati con oli e grassi sviluppati appositamente per essere utilizzati sugli orologi da polso.