Scopri altri articoli
IWC Oils
Il tempo che scorre come un orologio

In base alle sollecitazioni e alle tensioni a cui sono esposti, circa 50 componenti del movimento sono lubrificati con oli e grassi sviluppati appositamente per essere utilizzati sugli orologi da polso.

LABORATORIO DI PROVA

Presso IWC Schaffhausen i nuovi modelli di orologi sono sottoposti ad un rigoroso programma di test, che comprende fino a 50 diverse fasi, tra cui una prolungata immersione in acqua salata calda e un periodo di isolamento in una camera climatica. Tale processo garantisce che i segnatempo, una volta al polso dei futuri possessori, siano davvero pronti per un utilizzo quotidiano, e molto di più.

HALF_WAY_TO_THE_MOON_Trucks_972x426
A METÀ STRADA DALLA LUNA

Per il team di Formula 1 MERCEDES AMG PETRONAS seguire il circo del Gran Premio significa trasportare 30 tonnellate di materiale – per un totale di 10.000 singoli componenti – e un minimo di 60 dipendenti nei circuiti dei cinque continenti. Il team deve naturalmente garantire che tutto arrivi in tempo, attraverso un'efficiente organizzazione e un’ottima capacità di far fronte alle emergenze.

Grande Complication Dial Explained
UNIVERSO IN MINIATURA

L'universo si muove grazie al tempo. Il Portoghese Grande Complication di IWC è uno strumento perfettamente e discretamente concepito per descrivere brevemente il tempo come il motore di tutti i cambiamenti: una macchina del tempo che mostra il globo terrestre inclinato sul quadrante.

89800 Calibre Movement
L'ETERNITÀ IN CIFRE

Introdotto nel 2009, il calibro di manifattura 89800 di IWC ha ridefinito i canoni dell'indicazione digitale della data.

Top Secret

In un piccolo centro dell'Inghilterra centrale, oltre 500 specialisti si prodigano allo sviluppo e alla costruzione della Silberpfeil per il team di Formula 1™ MERCEDES AMG PETRONAS. Ciascuno dei 3.200 componenti di un'autovettura è personalizzata a mano.

Ingenieur: storia di una leggenda

Quando la Manifattura di Schaffhausen lanciò l'orologio Ingenieur nel 1955, fu un vero e proprio successo. Tuttavia, la sua vera storia risale a molti anni prima, precisamente al 1888.

Charlie-Echo-Romeo-Alfa-Mike-India-Charlie-Alfa

Sillabato utilizzando l'alfabeto fonetico internazionale, il termine "ceramica" acquista un tocco di enigmatica originalità.

Esperienze

Tradizioni sull'onda

Navigare con il sestante

Testo — Martina Wimmer Foto — Paul Ripke and Martin Timmermann Data — 01 gennaio 2010

Condividi:
—Nonostante l'ampia disponibilità di strumentazioni elettroniche, le moderne imbarcazioni devono ancora avere a bordo un sestante. L'azienda Cassens & Plath di Bremerhaven è uno dei produttori storici di questi strumenti di alta precisione

Tutte le imbarcazioni che solcano i mari devono essere in grado di ritrovare la rotta senza ricorrere ai satelliti. Per questa ragione, la bussola magnetica e il sestante sono strumenti indispensabili a bordo

Il sestante è uno strumento ottico che consente di misurare l’angolo tra un corpo celeste – preferibilmente il sole – e l’orizzonte, definendo così la posizione di un’imbarcazione.

I principi alla base del sestante, la sua struttura e le sue funzioni non hanno subito nessuna modifica rispetto al XVIII secolo, periodo a cui risale la sua invenzione. Già nel XV secolo, i marinai definivano la posizione del sole utilizzando alcuni predecessori del sestante, come l’astrolabio, il quadrante e il bastone di Giacobbe. Solo il ricorso agli specchi e alla doppia riflessione ha consentito di stabilire l’angolo esatto tra il sole e l’orizzonte. Emerse solo più tardi che l’idea era stata di Isaac Newton, ma i suoi studi e i suoi bozzetti furono a lungo ignorati e pubblicati post mortem soltanto nel 1742.

Verso il 1730, lavorando separatamente, l’astronomo inglese John Hadley e l’ottico Thomas Godfrey, quest’ultimo di stanza presso le colonie britanniche in America, progettarono un ottante dotato di un arco graduato più piccolo. L’ulteriore sviluppo dei loro studi portò alla creazione del sestante.

—Nonostante i moderni strumenti di cui sono ormai dotate tutte le imbarcazioni, i marinai esperti come Patrice Quesnel sono ancora in grado di navigare usando un sestante

Il motivo principale per cui i sestanti sono ancora così richiesti è da ricercare nelle norme internazionali sulla navigazione. In base a tali disposizioni, infatti, tutte le imbarcazioni che solcano i mari devono essere in grado di ritrovare la rotta senza ricorrere ai satelliti. Per questa ragione, la bussola magnetica e il sestante sono strumenti ancora oggi indispensabili a bordo. I sestanti fabbricati da Cassens & Plath sono probabilmente la scelta migliore per gli appassionati della navigazione. Proprio per questi ultimi, tra l’altro, l’azienda è solita partecipare a tutti i saloni dedicati all’universo nautico, sebbene la maggior parte delle vendite sia oggi conclusa online. La casa costruttrice è certa del fatto che i sestanti siano usati ancora oggi con una certa frequenza, dato che gli strumenti riportati in azienda per eventuali riparazioni recano sempre tracce di sale e di vento.

Ottenere misurazioni accurate con un sestante è una questione di bravura e di esperienza ma entrambi i fattori sarebbero inutili se lo strumento stesso non fosse preciso. Si tratta di una qualità che solo una grande raffinatezza meccanica può assicurare. Nelle officine di Cassens & Plath, risuonano ronzii meccanici, stridori e martellate durante l’intera giornata. Per ragioni di sicurezza, lo stabilimento è isolato dal mondo esterno, come una sorta di luogo sacro. Persino gli ispettori della Germanische Lloyd e di altri organismi certificatori possono vedere solo gli strumenti finiti. Il corpo di un sestante Cassens & Plath è realizzato in ottone fuso. Le aperture presenti nella struttura sono tipiche dell’azienda e consentono agli specialisti di risalire immediatamente alla casa di Bremerhaven. La qualità di un sestante, tuttavia, non dipende soltanto dalle sue caratteristiche ottiche: il ruolo dei materiali è altrettanto importante. L’alluminio avrebbe costi senza dubbio inferiori ma il rivestimento cui è soggetto ne favorirebbe l’usura, limitandone la durata. Di conseguenza, non rispetterebbe gli standard che da sempre caratterizzano la storica azienda.

Il pezzo fuso deve prima riposare. In seguito, occorre eliminare eventuali sbavature, lucidarlo e scolpirlo per ottenere le varie cavità. Cassens & Plath assembla una media di due sestanti al giorno. Una volta che questo straordinario strumento storico è riposto nella sua confezione in mogano impiallacciato, completo di certificato, il futuro utilizzatore può essere certo che ogni particolare sia stato curato alla perfezione. Cassens & Plath può vantare strumenti certificati in tutto il mondo e standard regolarmente verificati dagli organismi internazionali preposti. Qualora un dettaglio anche minimo del sestante o del processo di fabbricazione subisca modifiche, occorre richiederne immediatamente la validazione in termini qualitativi.

Questa non è l’unica ragione che ha condotto Cassens & Plath a evitare modifiche del prodotto da ormai diversi decenni. Il vero asso nella manica dell’azienda, infatti, è la sua tradizionale esperienza in materia. Il sestante, inventato diversi secoli fa, non può essere facilmente né imitato né copiato.

I moderni skipper possono comunque beneficiare di alcune pratiche innovazioni. I filtri di polarizzazione o i vetri sfumati, ad esempio, consentono di regolare la luminosità e di proteggere l’occhio. In passato, l’assenza di questi accorgimenti ha causato la cecità monoculare in molti marinai.

I sestanti fabbricati da Cassens & Plath sono probabilmente la scelta migliore per gli appassionati della navigazione

Scopri altri articoli
IWC Oils
Il tempo che scorre come un orologio

In base alle sollecitazioni e alle tensioni a cui sono esposti, circa 50 componenti del movimento sono lubrificati con oli e grassi sviluppati appositamente per essere utilizzati sugli orologi da polso.

LABORATORIO DI PROVA

Presso IWC Schaffhausen i nuovi modelli di orologi sono sottoposti ad un rigoroso programma di test, che comprende fino a 50 diverse fasi, tra cui una prolungata immersione in acqua salata calda e un periodo di isolamento in una camera climatica. Tale processo garantisce che i segnatempo, una volta al polso dei futuri possessori, siano davvero pronti per un utilizzo quotidiano, e molto di più.

HALF_WAY_TO_THE_MOON_Trucks_972x426
A METÀ STRADA DALLA LUNA

Per il team di Formula 1 MERCEDES AMG PETRONAS seguire il circo del Gran Premio significa trasportare 30 tonnellate di materiale – per un totale di 10.000 singoli componenti – e un minimo di 60 dipendenti nei circuiti dei cinque continenti. Il team deve naturalmente garantire che tutto arrivi in tempo, attraverso un'efficiente organizzazione e un’ottima capacità di far fronte alle emergenze.

Grande Complication Dial Explained
UNIVERSO IN MINIATURA

L'universo si muove grazie al tempo. Il Portoghese Grande Complication di IWC è uno strumento perfettamente e discretamente concepito per descrivere brevemente il tempo come il motore di tutti i cambiamenti: una macchina del tempo che mostra il globo terrestre inclinato sul quadrante.

89800 Calibre Movement
L'ETERNITÀ IN CIFRE

Introdotto nel 2009, il calibro di manifattura 89800 di IWC ha ridefinito i canoni dell'indicazione digitale della data.

Top Secret

In un piccolo centro dell'Inghilterra centrale, oltre 500 specialisti si prodigano allo sviluppo e alla costruzione della Silberpfeil per il team di Formula 1™ MERCEDES AMG PETRONAS. Ciascuno dei 3.200 componenti di un'autovettura è personalizzata a mano.

Ingenieur: storia di una leggenda

Quando la Manifattura di Schaffhausen lanciò l'orologio Ingenieur nel 1955, fu un vero e proprio successo. Tuttavia, la sua vera storia risale a molti anni prima, precisamente al 1888.

Charlie-Echo-Romeo-Alfa-Mike-India-Charlie-Alfa

Sillabato utilizzando l'alfabeto fonetico internazionale, il termine "ceramica" acquista un tocco di enigmatica originalità.