Articoli in evidenza
Dan Rubinstein

Dan Rubinstein è il caporedattore di Surface, una rivista bimestrale internazionale di design. Dan è anche consulente freelance e responsabile. Leggi l'articolo

Josh Spear

Quando Josh non colleziona timbri sui passaporti lo cercano per il suo sguardo fresco sul mondo e lo stile inimitabile delle sue consulenze su design, gadget, strategie digitali e tendenze globali. Leggi l'articolo

Craig Kanarick

Craig Kanarick è un imprenditore, un designer e un artista che vive a Manhattan. La sua ultima impresa, la New York Mouth, è un negozio online di prodotti alimentari artigianali realizzati e venduti in quantità limitate da piccoli produttori indipendenti di New York e dintorni. Leggi l'articolo

Evan Orensten

Evan Orensten è caporedattore e co-fondatore di Cool Hunting, una rivista digitale che parla di innovazione e creatività. È anche Managing Partner di Largetail, una rete di pubblicità digitale e una società di servizi. Leggi l'articolo

Ben Clymer

“Mi chiedo spesso cosa sarebbe la mia vita se non mi fossi trasferito a New York dopo il college. Considero New York un collega di lavoro, senza il quale non sarei dove sono oggi (ovunque sia, penso sia un bel posto)”. Leggi l'articolo

Neil Blumenthal

Neil adora aiutare le persone a vedere. Insieme a tre amici ha fondato Warby Parker, un’innovativa marca di occhiali in vendita su www.warbyparker.com a prezzi di gran lunga inferiori a quelli di altre marche di qualità comparabile. Leggi l'articolo

Jeff Staple

Impegnato su vari fronti, Jeff Ng alias Jeff Staple è magistralmente riuscito a creare un universo di comunicazione attraverso il design. Leggi l'articolo

Noreen MacDonald

Noreen MacDonald, Direttore del Flagship Store IWC di New York, ha compiuto un viaggio emozionante nel modo dell’alta orologeria e gioielleria. Dopo aver iniziato la sua carriera da Harry Winston, ha lavorato per diversi settori della vendita di lusso sulla Fifth Avenue e su Madison Avenue, con marchi del calibro di Tiffany & Co., Patek Philippe, DiModolo Milano e Trade Show Network. Leggi l'articolo

Michael Williams

“Si dice che, dopo dieci anni di vita vissuta in città, ci si può legittimamente definire un vero newyorchese. Beh, io sono qui da undici anni, e nonostante il tempo, non credo di essermi ancora guadagnato il distintivo. Leggi l'articolo

Globetrotter New York City

Kevin P. Ryan

FONDATORE DI MOLTE AZIENDE CON SEDE A NEW YORK, KEVIN È UNO DEI PRINCIPALI IMPRENDITORI AMERICANI DELLA RETE

Testo — Kevin P. Ryan Foto — Kevin P. Ryan Data — 18 aprile 2012

Condividi:
—Kevin P. Ryan

Kevin P. Ryan è fondatore e CEO di Gilt Groupe, un’innovativa azienda di e-commerce che offre prodotti e servizi particolarmente ambiti a prezzi esclusivi.

Nel 2007 Kevin fu tra i fondatori di Gilt Groupe, un sito di vendita di indumenti e accessori femminili accessibile solo su invito. Oggi Gilt Groupe conta milioni di membri e 1.000 dipendenti. La sua offerta include anche le linee casa, bambino, indumenti e accessori per uomo (GiltMAN), viaggi e vacanze (Jetsetter) e servizi locali (Gilt City). Kevin è uno dei principali imprenditori online degli Stati Uniti. Ha fondato numerose aziende con sede a New York, tra cui Gilt Groupe, Business Insider e 10gen/MongoDB. Dal 1996 al 2005 ha inoltre contribuito alla gestione di DoubleClick, prima come presidente, poi come CEO, trasformando quella che era una start-up di 20 persone in un’azienda leader nel mondo con oltre 1.500 dipendenti. Kevin siede inoltre nel consiglio di amministrazione di Human Rights Watch, del NYC Investment Fund e dell’INSEAD ed è membro dello Yale International Council, del Council on Foreign Relations e della commissione SAGE. È laureato a Yale e ha conseguito un M.B.A. all’INSEAD.

“Da quando mi sono laureato, 25 anni fa, ho vissuto in tre città: New York, Londra e Parigi. A New York sono stato per vent’anni e tutti i miei figli sono nati qui. Ho assistito al cambiamento di questa città, da luogo realistico, a volte anche sporco ma interessante, a centro ancor più dinamico, raffinato, creativo e internazionale. Di solito si pensa ai musei famosi e agli spettacoli di Broadway, ma sono i negozi più piccoli e i servizi a dimensione umana a rendere questa città quasi un paese, ma un paese ad alta qualità”.

I preferiti di Kevin

Toga Bike Shop

“Da Toga il personale è molto competente e amichevole e intorno al negozio gravita una grande comunità di ciclisti. Io faccio triathlon e ho comprato due biciclette da Toga e fatto da loro tutte le messe a punto. Lavorano su misura su ogni bicicletta e questo è importante, perché ogni ciclista è diverso”.

MAGGIORI INFORMAZIONI

—110 W End Ave # 1

Mappa

SPiN New York

“Faccio ping pong a livello agonistico da molto tempo e SPiN è un club frequentato dai migliori professionisti americani del ping pong. Da SPiN si può giocare a ping pong seriamente o solo per divertirsi, con gli amici. C'è un ampio spazio allestito con tavoli professionali, un DJ, un magnifico bar e buon cibo e il club organizza un torneo professionale con incontri tutti i venerdì sera. A volte da Spin facciamo degli eventi per il personale Gilt”.

MAGGIORI INFORMAZIONI

—48 E 23rd St

Mappa

Big Nick’s Burger and Pizza Joint

“Ho cominciato ad andare da Big Nick alla fine degli anni Ottanta. È il classico posto in cui si va a mangiare a tarda notte o il sabato a pranzo, con una scelta di hamburger così varia che è quasi impossibile decidersi. Esiste ormai da quasi cinquant’anni ed è aperto 24 ore su 24”.

MAGGIORI INFORMAZIONI

—2175 Broadway # 1

Mappa

Le Moulin a Café

“Le Moulin è a un isolato di distanza dal liceo francese di New York e ha i migliori pain au chocolat, croissant e dolci francesi della città. Mia moglie è francese e anche lei dice che da Le Moulin è come essere a Parigi. Ci sono sempre clienti francesi, l’atmosfera è francese. Accettano persino euro e dollari canadesi oltre ai dollari USA!”

MAGGIORI INFORMAZIONI

—1439 York Avenue

Mappa

Articoli in evidenza
Dan Rubinstein

Dan Rubinstein è il caporedattore di Surface, una rivista bimestrale internazionale di design. Dan è anche consulente freelance e responsabile. Leggi l'articolo

Josh Spear

Quando Josh non colleziona timbri sui passaporti lo cercano per il suo sguardo fresco sul mondo e lo stile inimitabile delle sue consulenze su design, gadget, strategie digitali e tendenze globali. Leggi l'articolo

Craig Kanarick

Craig Kanarick è un imprenditore, un designer e un artista che vive a Manhattan. La sua ultima impresa, la New York Mouth, è un negozio online di prodotti alimentari artigianali realizzati e venduti in quantità limitate da piccoli produttori indipendenti di New York e dintorni. Leggi l'articolo

Evan Orensten

Evan Orensten è caporedattore e co-fondatore di Cool Hunting, una rivista digitale che parla di innovazione e creatività. È anche Managing Partner di Largetail, una rete di pubblicità digitale e una società di servizi. Leggi l'articolo

Ben Clymer

“Mi chiedo spesso cosa sarebbe la mia vita se non mi fossi trasferito a New York dopo il college. Considero New York un collega di lavoro, senza il quale non sarei dove sono oggi (ovunque sia, penso sia un bel posto)”. Leggi l'articolo

Neil Blumenthal

Neil adora aiutare le persone a vedere. Insieme a tre amici ha fondato Warby Parker, un’innovativa marca di occhiali in vendita su www.warbyparker.com a prezzi di gran lunga inferiori a quelli di altre marche di qualità comparabile. Leggi l'articolo

Jeff Staple

Impegnato su vari fronti, Jeff Ng alias Jeff Staple è magistralmente riuscito a creare un universo di comunicazione attraverso il design. Leggi l'articolo

Noreen MacDonald

Noreen MacDonald, Direttore del Flagship Store IWC di New York, ha compiuto un viaggio emozionante nel modo dell’alta orologeria e gioielleria. Dopo aver iniziato la sua carriera da Harry Winston, ha lavorato per diversi settori della vendita di lusso sulla Fifth Avenue e su Madison Avenue, con marchi del calibro di Tiffany & Co., Patek Philippe, DiModolo Milano e Trade Show Network. Leggi l'articolo

Michael Williams

“Si dice che, dopo dieci anni di vita vissuta in città, ci si può legittimamente definire un vero newyorchese. Beh, io sono qui da undici anni, e nonostante il tempo, non credo di essermi ancora guadagnato il distintivo. Leggi l'articolo