PROFONDITÀ ALLA TERZA POTENZA

AQUATIMER DEEP THREE

Data — 20 gennaio 2014

Condividi:
Aquatimer Deep Three
—Dopo il GST Deep One nel 1999 e l’Aquatimer Deep Two nel 2009, nel 2014 è la volta dell’Aquatimer Deep Three
(ref. IW355701) in titanio.

L’Aquatimer Deep Three è la terza generazione di orologi subacquei IWC con profondimetro meccanico.L’evoluto perfezionamento del profondimetro e del sistema di ghiere dimostra l’aspirazione della manifattura di Schaffhausen a estendere ulteriormente il suo vantaggio tecnologico nelle complesse soluzioni di meccanica orologiera.

Per gli appassionati di subacquea è più che ovvio: immergersi è uno sport emozionante e sicuro se si può fare affidamento sul proprio equipaggiamento e si rispettano alcune regole di base: non andare sott’acqua da soli, ma sempre accompagnati; per i dispositivi tecnici di importanza vitale come l’erogatore e il profondimetro si dovrebbe sempre disporre di una soluzione di riserva; durante l’immersione bisognerebbe anche avere sempre sott’occhio parametri essenziali come la profondità attuale e quella massima raggiunta nonché la durata dell’immersione, per poter risalire con la dovuta lentezza effettuando le necessarie soste di decompressione. Per rispettare la prima regola basta «Buddy» (ossia il proprio compagno di riferimento), per la seconda c’è «Octopus» (l’erogatore di emergenza) – e per tutto il resto il nuovo Aquatimer Deep Three di IWC. Infatti, se l’elettronica del computer subacqueo va in tilt, il profondimetro meccanico made in Schaffhausen si dimostra un affidabile sistema di back­up per il calcolo dei valori chiave dell’immersione.

SISTEMA SAFEDIVE DI IWC – L’EVOLUZIONE DEL SISTEMA DI GHIERE

Dopo il GST Deep One (ref. 3527) del 1999 e l’Aquatimer Deep Two (ref. 3547) del 2009, quest’anno IWC Schaffhausen lancia sul mercato la sua terza generazione di orologi subacquei con profondimetro meccanico. L’Aquatimer Deep Three (ref. IW355701) è un perfetto esempio di evoluzione della tecnica orologiera messa a punto a Schaffhausen. Il costante perfezionamento dell’orologio risulta particolarmente evidente ad esempio nei tre differenti sistemi delle ghiere per la misurazione dei tempi di immersione. Il GST Deep One era provvisto di una ghiera girevole interna che veniva regolata mediante una corona posta a «ore 2». Questa soluzione, tecnicamente laboriosa, rendeva praticamente impossibile un involontario spostamento dell’inizio dell’immersione e quindi un allungamento della permanenza sott’acqua oltre il termine consentito dalla scorta di aria compressa disponibile. Inoltre la scala di riferimento sotto il vetro, trattata con materiale luminescente sensibile, era perfettamente protetta da acqua, sporcizia e graffi. Per contro, con i guanti da sub o in caso di scarsa visibilità, la corona non offriva la facilità di utilizzo di una ghiera esterna. Ecco perché nel 2009, con la collezione Aquatimer, IWC è passata a una ghiera girevole esterna che si aziona facilmente anche con i guanti sebbene, per motivi di sicurezza, solo verso sinistra, ossia in senso antiorario. Così, in caso di spostamento involontario, il tempo residuo di immersione indicato sarebbe stato comunque inferiore a quello effettivo: una soluzione forse poco gradita al sub ma priva di rischi. Nella sua struttura multianulare è stato quindi inserito un anello in vetro zaffiro largo 4 millimetri, sul cui lato inferiore è stato applicato uno spesso strato di Super-LumiNova®*, materiale altamente luminescente. L’architettura della cassa dell’Aquatimer Deep Three abbina i vantaggi della ghiera interna – ad esempio la protezione della scala di misura dalla sporcizia e dai graffi – alla praticità d’uso di una ghiera esterna. Questa evoluzione è frutto di un’invenzione degli ingegneri di IWC: il raffinato sistema a pignone scorrevole trasmette il movimento rotatorio della lunetta alla ghiera girevole posta all’interno della cassa. Anche in questo caso, per motivi di sicurezza, il sistema SafeDive consente di azionare la ghiera interna con precisi scatti di un minuto solo in senso antiorario.

Dalla loro prima apparizione, sia il profondimetro che il sistema di ghiere sono stati costantemente rivisti
e perfezionati dagli ingegneri di IWC Schaffhausen.

IL PEZZO FORTE: IL PROFONDIMETRO

Il profondimetro meccanico è il pezzo forte, dal punto di vista tecnico, dell’Aquatimer Deep Three, impermeabile 10 bar. Una breve carrellata storica ne illustra l’evoluzione. Negli anni Novanta il GST Deep One in titanio è stato uno dei progetti tecnologici più ambiziosi di IWC. A quel tempo gli orologi subacquei dotati di profondimetro meccanico erano una rarità, il mercato era dominato da strumenti elettronici. Costruire casse con architetture specifiche, sistemi di tenuta stagna e appositi meccanismi di misura per orologi subacquei era troppo oneroso. Gli ingegneri di IWC non si lasciarono però intimorire dalle varie difficoltà ed equipaggiarono il GST Deep One con un elemento tubolare montato attorno al movimento, che durante l’immersione si riempiva d’acqua attraverso microscopici fori praticati in una corona. Con l’aumentare della pressione idrica, questo «tubo» si dilatava azionando così una serie di leve che a loro volta muovevano le due lancette per la visualizzazione della profondità. Sul quadrante una lancetta bianca centrale indicava la profondità d’immersione attuale (fino a 45 metri), mentre una lancetta a trascinamento aggiuntiva, anch’essa centrale, si arrestava alla profondità massima raggiunta. Poiché gli assi delle due lancette attraversavano il centro del movimento, non rimase spazio per la grande lancetta dei secondi. Quest’ultima è però molto apprezzata dai sub non solo per misurare i tempi di decompressione ma anche come strumento di controllo e monitoraggio funzionale. Ecco perché dieci anni dopo nell’Aquatimer Deep Two le lancette di misura della profondità furono posizionate attorno al movimento: solo le punte ripiegate delle due lancette si muovevano attraverso una fessura semicircolare spostandosi lungo la scala di lettura. Una soluzione raffinata che, oltre a evitare il passaggio degli assi attraverso il movimento, consentì l’integrazione della lancetta dei secondi centrali.

Sia nell’Aquatimer Deep Two che nel nuovo Aquatimer Deep Three il sistema di misurazione della pressione è alloggiato in una grande corona sormontata da una staffa di protezione, sul lato sinistro della cassa. La pressione idrica agisce direttamente su una membrana all’interno di questa corona, che a sua volta spinge un pistoncino verso l’interno della cassa. Questo movimento aziona una bascula collegata alle due lancette. Nel corso dell’immersione, la lancetta blu del profondimetro si sposta verso il basso o l’alto sulla scala bianca indicando la profondità attuale. Inoltre, la lancetta dei secondi e il profondimetro permettono di rispettare la velocità massima di risalita pari a 10 metri al minuto. Infine la lancetta rossa si arresta sulla profondità massima raggiunta (fino a 50 metri): questo valore è importante al fine di calcolare le soste necessarie per la decompressione. Il sub addestrato dispone così di tutte le informazioni essenziali per concludere in modo sicuro l’immersione. Il costante miglioramento del sistema di ghiere e del profondimetro nel corso di tre generazioni di modelli concretizza la citazione più celebre di Charles Darwin: «Non è la specie più forte a sopravvivere, né quella più intelligente, ma quella più pronta al cambiamento».

PIÙ LEGGERO E PIÙ SLANCIATO

Grazie alla cassa in titanio l’Aquatimer Deep Three è più leggero del precedente modello in acciaio. La ghiera girevole più sottile, con tacche arrotondate, conferisce all’orologio un aspetto più sottile, benché la cassa abbia mantenuto lo stesso diametro, 46 millimetri, e sul lato destro siano stati aggiunti due nuovi elementi funzionali. Il pulsante per azzerare l’indicatore della profondità massima, in ceramica, è stato spostato dalle «ore 8» alle «ore 2». Sotto la copertura in titanio posta a «ore 4» si cela il meccanismo a pignone scorrevole del nuovo sistema di ghiere. Malgrado le numerose indicazioni, il quadrante nero presenta un design chiaro e lineare. Lo strato di Super-LumiNova®* garantisce una leggibilità eccellente in tutte le condizioni di luce. Inoltre, in caso di mancanza di luce, la luminescenza a due colori aiuta a orientarsi sul quadrante: in verde sono riportate le indicazioni importanti sott’acqua (tempo e profondità di immersione, misurazione di secondi e minuti), in blu la lancetta e gli indici delle ore. L’affidabile movimento automatico calibro 30120 con datario offre una confortevole autonomia di marcia di 42 ore. Il fondello serrato a cinque viti è decorato con una raffinata incisione a rilievo raffigurante un casco da palombaro – simbolo che certifica l’idoneità del Deep Three come strumento subacqueo professionale. Il cinturino flessibile in caucciù con design sagomato a onde si adatta al polso e alle sue variazioni legate alle attività svolte o agli sbalzi di temperatura.

Aquatimer Deep Three
—Il fondello serrato a cinque viti dell’Aquatimer Deep Three (ref. IW355701) di IWC Schaffhausen è decorato con una raffinata incisione a rilievo raffigurante un casco da palombaro – simbolo che certifica l’idoneità del Deep Three come strumento subacqueo professionale.

AQUATIMER DEEP THREE

IW355701

Aquatimer Deep Three, Reference IW355701

CARATTERISTICHE

  • Movimento meccanico
  • Ghiera girevole meccanica esterna-interna con sistema SafeDive di IWC
  • Datario
  • Secondi centrali con dispositivo di arresto
  • Profondimetro meccanico con doppia lancetta per una profondità massima di 50 m
  • Lancette, quadrante e ghiera girevole interna con parti luminescenti
  • Corona a vite
  • Incisione sul fondello
  • Sistema di sostituzione rapida del cinturino IWC

 

MOVIMENTO

  • Calibro: 30120
  • Frequenza: 28 800 A/h / 4 Hz
  • Rubini: 21
  • Riserva di carica: 42 h
  • Carica: automatica

OROLOGIO

  • Materiali: cassa in titanio, quadrante nero, cinturino in caucciù nero, fibbia ad ardiglione in titanio
  • Vetro: zaffiro, bombato, antiriflesso su entrambi i lati
  • Impermeabilità: 10 bar
  • Diametro: 46 mm
  • Spessore: 16,5 mm

* IWC Schaffhausen non è proprietaria del marchio Super-LumiNova®.

Maggiori Informazioni

IWC Schaffhausen
Uwe Liebminger
Department Manager Public Relations
Mobile +41 (0)79 957 72 52
E-mail uwe.liebminger@iwc.com

Scopri altri articoli
EDIZIONE SPECIALE PATROUILLE SUISSE DI IWC

Il Pilot’s Watch Double Chronograph Edition «Patrouille Suisse» (ref. IW377805) è un nuovo poderoso rappresentantedella famiglia Pilot’s Watch di IWC Schaffhausen. Leggi l'articolo

DUE NUOVI ARRIVATI NELLA LINEA DI OROLOGI INGENIEUR DI IWC SCHAFFHAUSEN

IWC Schaffhausen manda in pista due nuovi campioni della famiglia di orologi Ingenieur. Leggi l'articolo

LANCETTE PUNTATE SULLA SPERANZA

IWC Schaffhausen sostiene l’impegno mondiale della Laureus Sport for Good Foundation lanciando per l’ottava volta un’edizione speciale limitata dal caratteristico blu Laureus. Leggi l'articolo

IWC CELEBRA UNA NUOVA APERTURA SOTTO IL CAMPANILE DI SAN MARCO A VENEZIA

La manifattura orologiera svizzera di IWC Schaffhausen ha inaugurato ieri la sua seconda boutique italiana. A tagliare il nastro della boutique in Piazza San Marco, cuore pulsante di una delle città più rinomate e più belle al mondo, è stato Beppe Ambrosini, Brand Manager di IWC Italia, sotto lo sguardo di ospiti selezionati. Leggi l'articolo