header.skiplinktext header.skiplinkmenu
Cambia localizzazione
Cerca luogo

Paese selezionato

Risultati

Tutte le località

Negozio online

  • ANDORRA / €
  • AUSTRALIA / AUD
  • AUSTRIA / €
  • BELGIUM / €
  • BRAZIL / R$
  • CANADA / CAD
  • CHINA / CN¥
  • CROATIA / €
  • CYPRUS  / €
  • CZECH REPUBLIC / €
  • DENMARK / kr
  • ESTONIA / €
  • FINLAND / €
  • FRANCE / €
  • GERMANY / €
  • GREECE / €
  • HONG KONG SAR, CHINA / hk$
  • HUNGARY / €
  • ICELAND / KR
  • IRELAND / €
  • ITALY / €
  • JAPAN / ¥
  • KOREA / KRW
  • LATVIA / €
  • LITHUANIA / €
  • LUXEMBURG / €
  • MACAU SAR, CHINA / MOP
  • MALAYSIA / MYR
  • MEXICO / Mex$
  • NETHERLANDS / €
  • NORWAY / NOK
  • POLAND / €
  • PORTUGAL / €
  • REST OF THE WORLD
  • ROMANIA / €
  • RUSSIA  / ₽
  • SINGAPORE / SGD
  • SLOVAKIA / €
  • SLOVENIA / €
  • SPAIN / €
  • SWEDEN / SEK
  • SWITZERLAND / CHF
  • TAIWAN, CHINA / NT$
  • THAILAND / THB
  • TURKEY / TRY
  • UAE / AED
  • UNITED KINGDOM / £
  • UKRAINE  / UAH
  • USA / $

iwc-ppc-language-
CARRELLO
REGISTRATI AL SITO IWC

«Cyberloupe»: primo prototipo di lente di ingrandimento digitale

La lente di ingrandimento è uno strumento essenziale per un orologiaio. E se permettesse anche a te di osservare da vicino le creazioni orologiere? IWC Schaffhausen ha sviluppato la «Cyberloupe», il primo prototipo di lente digitale. 

Antonio Palmisano, Responsabile del Dipartimento di Operations Development presso IWC Schaffhausen, spiega a The Journal in che modo si tratti di una piccola rivoluzione grazie alla quale avvicinare gli orologiai al resto del mondo.

Antonio Palmisano, Responsabile del Dipartimento di Operations Development di IWC
— Antonio Palmisano, Responsabile del Dipartimento di Operations Development di IWC

Cosa ha ispirato lo sviluppo della Cyberloupe?

In questo mondo digitalizzato, continuo a essere affascinato dalla complessità tecnologica dei nostri orologi meccanici. Per chi non lavora a creazioni orologiere, è davvero difficile osservare da vicino questo «universo dal diametro di 40 mm». Ho quindi avuto l’idea di digitalizzare la classica lente di ingrandimento da orologiaio, della quale ci serviamo da 150 anni, e renderla «intelligente».

 

Come funziona?

Si tratta di una speciale lente di ingrandimento dotata di una telecamera e di una connessione di rete. Trasmettendo su uno schermo la visione in tempo reale di un orologiaio, questo strumento consente agli appassionati di orologi di osservare le funzioni interne di un movimento meccanico in maniera del tutto inedita. I visitatori hanno potuto, ad esempio, ammirare le affascinanti oscillazioni costanti del bilanciere, un piccolo pendolo di forma anulare che rappresenta il cuore pulsante di un orologio meccanico. Grazie a questo nuovo strumento, IWC potrà condividere il suo spirito ingegneristico nonché la sua passione per l’orologeria e l’artigianalità.

Quante persone hanno lavorato al progetto? Quanto tempo ci è voluto per concretizzare la tua idea?

Al fine di garantire la massima agilità, abbiamo voluto che il team principale fosse composto da poche persone. Il team è costituito da tre orologiai con una notevole esperienza nell’ambito del servizio clienti e della formazione, da un collaboratore del dipartimento di industrializzazione e da uno sviluppatore esterno. Dopo aver verificato la validità teorica del progetto, siamo subito passati agli studi di fattibilità tecnica e in 3 mesi abbiamo creato un primo campione di prova. Abbiamo così dimostrato a tutti all’interno della Maison, Consiglio d’amministrazione incluso, che si tratta di un’idea fisicamente realizzabile.

 

Quali sono state le principali sfide che il tuo team ha dovuto affrontare nella fase di sviluppo, e qual è stato il segreto per realizzare il progetto nei tempi stabiliti?

Quando è nato il progetto, è stato necessario trovare sponsor che lo sostenessero sia presso il Gruppo Richemont che presso IWC. Parallelamente, ci siamo occupati dello studio preliminare e della richiesta di brevetto. La multidisciplinarità del team ha consentito di affrontare le sfide con rapidità e facilità, rendendo possibile l’attuazione dell’ambizioso piano del progetto.

 

Quali sono i valori aggiunti che la Cyberloupe può offrire ai clienti finali di IWC?

I clienti possono ricevere spiegazioni in diretta circa le funzioni speciali dei nostri orologi pur senza essere presenti in loco. Inoltre, i formatori che lavorano presso la nostra sede centrale possono formare virtualmente su piattaforme online altri orologiai in tutto il mondo. La Cyberloupe è in grado di estrarre informazioni specifiche dai nostri sistemi informatici PLM ed ERP e mostrarle direttamente all’utente.

 

Quale evoluzione è prevista per la Cyberloupe? Qual è il prossimo passo?

Stiamo già lavorando allo sviluppo di una «CYBERLOUPE 2.0», che sarà presentata al W&W 2021. Oltre ad un nuovo design e a una migliore stabilizzazione e risoluzione dell’immagine, sarà possibile scoprire come le informazioni digitali possono essere proiettate «su richiesta» dall’orologiaio direttamente davanti ai suoi occhi.

Sperimenta la Cyberloupe nella comodità di casa tua
— Sperimenta la Cyberloupe nella comodità di casa tua

Edizioni speciali

Continua a leggere